Linkwelove: perché ha chiuso? E ora? - Tribuna Attiva

link we love - il logo

Linkwelove: perché ha chiuso? E ora?

By o1m94 0 Comment Novembre 21, 2019

Linkwelove è stata una piattaforma innovativa che ha per certi versi davvero rivoluzionato gli scenari dell’advertising. Come ci è riuscita? Ad esempio proponendo pubblicità mirata mediante contenuti perfettamente integrabili all’interno di siti e blog. Già da diversi anni il vecchio modo di fare pubblicità su internet con banner e popup stava cominciando ad accusare sintomi di evidente stanchezza. Gli utenti sono sempre meno propensi a cliccare sui banner e iniziano a ignorare deliberatamente i banner vanificando anche investimenti importanti da parte delle aziende. Link we love era riuscito a proporre la soluzione proponendo un modo di fare advertising in grado di catturare i visitatori con contenuti interessanti e attinenti. Nato nel 2014, si è imposto a poco a poco nel settore per poi andare incontro alla chiusura qualche anno dopo. Questo però non vuol dire che le strategie applicate non fossero di successo, al contrario, oggi ci sono altre piattaforme che si stanno imponendo a tutto vantaggio degli utenti che possono avere una freccia in più nel proprio arco.

I punti di forza di linkwelove

Ma cosa offriva realmente linkwelove? La piattaforma si occupava in sostanza della gestione delle pubblicità all’interno dei siti dei clienti. Linkwelove riusciva a tracciare i dati dei navigatori dei siti proponendo loro inserzioni in grado di rispecchiare pienamente i loro interessi. In questo modo veniva aumentata la qualità dei contenuti e del sito in generale, e si aumentava anche la conversione e il tempo trascorso dagli utenti sulle pagine del sito. Chi utilizzava Link we Love per le sue pubblicità riusciva anche ad aumentare le visualizzazioni di ogni singola pagina del sito e il tempo medio trascorso dagli utenti sulle pagine. Da non trascurare anche il bounce rate, ovvero la percentuale di utenti che dopo essere entrati nel sito ne sono subito usciti senza visionare alcun contenuto. Il punto di forza di link we love era quello di considerare ogni singola pubblicità come un contenuto a tutti gli effetti anche se era l’algoritmo Loverank quello che faceva davvero la differenza aumentando la user experience. Possiamo quindi dire che con Link we Love era l’utente stesso ad approfondire volontariamente contenuti di qualità andando a scoprire così fonti sia esterne che interne al sito. Il minimo guadagno garantito per ogni click era di 8 centesimi di euro netti per click, una cifra davvero interessante se parametrata con la concorrenza. Con l’avvento del mobile questa tipologia di pubblicità sul web ha avuto un enorme successo e tutto lascia pensare che la strada andrà in questa direzione anche nell’immediato futuro.

La chiusura di Link We Love

Se queste erano le ottime premesse di Link We Love, allora perché la piattaforma ha chiuso? Per rispondere a questa domanda bisogna andare alla fine del 2016 quando sono iniziate feroci polemiche relative ai pagamenti corrisposti. Molti utenti infatti lamentavano una scarsa comunicazione e ritardi nei pagamenti anche se vi erano anche utenti molto soddisfatti del servizio. Nei mesi successivi il numero degli scontenti è aumentato esponenzialmente e la loro insoddisfazione è stata incrementata anche dall’assenza di un contatto diretto con l’azienda che sarebbe stato l’ideale per rassicurare e fare chiarezza. Molti non sono riusciti a ritirare quanto accumulato sulla piattaforma e verso la fine del 2017 alcuni utenti hanno ricevuto una comunicazione da parte di LinkWeLove che li informava della volontà di voler risarcire in modo parziale tutti i debiti accumulati nel corso del tempo. Anche se è difficile trovare dati certi su internet sembra che l’azienda abbia anche in parte iniziato i risarcimenti. Nonostante la buona volontà mostrata dall’azienda evidentemente la situazione deve essere diventata insostenibile rendendo impossibile continuare. Oggi esistono comunque delle valide alternative che permettono di continuare a guadagnare sfruttando le stesse dinamiche e strategie che avevano inizialmente fatto le fortune di linkwelove.